ITunes, su iPad e iPhone appaiono strani messaggi di errore

Utenti sparsi un po’ in tutto il mondo stanno via via segnalando uno strano bug che affligge gli iPhone e gli iPad dopo aver installato il nuovo sistema operativo iOS13 o iPadOS. Il bug sembra manifestarsi all’apertura di un’applicazione di terze parti, apertura bloccata dalla visualizzazione istantanea di un messaggio che compare sullo schermo e che recita: “iTunes Store non è in grado di elaborare gli acquisti in questo momento. Riprova più tardi”. Questo bug rende difficile effettuare qualsiasi operazione sui due device della mela morsicata e, almeno per adesso, sembra comparire solo su iOS13 e iPadOS nonché su un numero alquanto limitato di dispositivi.

Un bug di iTunes Store?

L’errore sembra essere legato proprio all’iTunes Store e viene riscontrato ogni qualvolta si tenta di aprire un’applicazione di terze parti, qualsiasi essa sia. A quanto sembra, il problema non si manifesta se, al contrario, si prova di aprire un’app nativa Apple. Sfogliando le pagine web dedicate al supporto clienti della casa di Cupertino non si trova alcun riferimento al bug in questione e tutti i sistemi sembrano essere perfettamente attivi e funzionanti. Questo suggerisce che dovrebbe trattarsi di un semplice problema tecnico e che, quasi sicuramente, sarà risolto a breve dagli sviluppatori della mela morsicata. Per ora il bug non sembra derivare dal nuovo sistema operativo in quanto fa riferimento ad un problema di connessione di iTunes.

iTunes: fine di un’epoca?

Non solo iOS13 e iPadOS, lunedì scorso la Apple ha diffuso online la nuova versione del proprio sistema operativo dedicato ai computer Mac fissi e portatili. Molte le novità introdotte con macOS Catalina 10.15 e forse, la più importante, è quella che segna la fine di un’epoca, o meglio, la fine di un software: iTunes. L’arrivo di macOS Catalina cancella iTunes per sempre e lo rimpiazza con tre applicativi pensati per diversi utilizzi: Musica, TV e Podcast. Una scelta decisamente ancora poco chiara quella di dividere un’app in tre differenti applicazioni, ma solo con il tempo capiremo quali sono le vere intenzioni degli sviluppatori della casa di Cupertino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *